Attività Di Volontariato. Ci Sto? Affare Fatica! | InfoGiomm
Attività di volontariato. Ci sto? Affare fatica! InformaGiovani Montecchio Maggiore

Attività di volontariato. Ci sto? Affare fatica!

Si sono aperte ieri le iscrizioni per l’edizione 2022 di “Ci sto? Affare fatica!” (www.cistoaffarefatica.it), l’iniziativa che coinvolge migliaia di adolescenti, nel periodo estivo, attraverso attività concrete di volontariato, cittadinanza attiva e cura dei beni comuni, accompagnati dalla comunità adulta locale. Nel 2022 verranno coinvolti più di 200 Comuni in 14 regioni e 6.000 ragazzi, raggruppati in 800 squadre. Grazie al progetto “Ci sto? Affare fatica! – verso l’Italia”, sostenuto dal ministero del Lavoro e delle politiche sociali, si sono aggiunti per questa edizione nuovi territori e altre 10 regioni – Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Umbria, Puglia, Campania, Calabria, Sicilia, Sardegna –, oltre a Veneto, Marche, Trentino Alto Adige e Lombardia, già coinvolte nelle precedenti edizioni. L’Associazione Gruppo Vulcano, tra le prime ad avviare l’iniziativa in Veneto, è capofila del progetto, in stretta collaborazione con il Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA).

Possono partecipare i ragazzi dai 14 ai 19 anni e i tredicenni che stanno concludendo la terza media residenti nel territorio dei Comuni aderenti al progetto, che durante l’estate vorranno prendersi cura della propria città, sperimentando capacità personali e acquisendo nuove competenze. Ci si può iscrivere dal sito www.cistoaffarefatica.it, seguendo le indicazioni; nel sito si può verificare l’adesione al progetto del proprio Comune di residenza.

I giovani partecipanti saranno coinvolti principalmente nei mesi di giugno e luglio –  dalle ore 8.30 alle 12.30, dal lunedì al venerdì – in svariate attività settimanali di cura del bene comune: dalla pulizia dei centri abitati e delle vie dei quartieri, alla manutenzione dei parchi gioco, all’impregnatura e alla tinteggiatura di giostre, staccionate, aule di scuole materne, elementari e medie, e moltissimo altro ancora. Una mobilitazione a tutti i livelli che riempirà di entusiasmo e significato l’estate dei ragazzi, raccolti in squadre miste di 10 persone e guidati da un giovane tutor e da un handyman, un volontario adulto con competenze tecniche e artigianali. Le attività saranno ospitate dai Comuni coinvolti, dai quartieri, dalle scuole e dal mondo del terzo settore in genere. A ciascun ragazzo/a partecipante saranno consegnati in omaggio dei “buoni fatica” settimanali del valore di € 50,00, in abbigliamento, spese alimentari, libri scolastici, cartoleria, libri di lettura, tempo libero, offerti dai numerosi negozi e aziende locali che hanno aderito al progetto.

Le attività delle squadre saranno realizzate in ottemperanza alle norme anti-contagio che saranno previste per le esperienze educative durante l’estate, in un momento di prudente e preziosa ripartenza per la socialità, l’aggregazione e l’impegno delle giovani generazioni e delle comunità locali.

In questi giorni sta terminando la prima fase di selezione dei tutor (giovani dai 20 ai 30 anni) che accompagneranno i partecipanti in questa esperienza: sono loro i grandi protagonisti di questa edizione, che con disponibilità preziosa, appassionata e competente coordineranno le squadre in tutto il territorio. I candidati parteciperanno a degli incontri di formazione, a cui saranno invitati anche gli handymen, che supporteranno ragazzi e tutor nella realizzazione dei lavori.

Inaugurato nel 2016 nel comune di Bassano del Grappa, il progetto ha riscosso ogni anno un successo sempre maggiore, arrivando a circa 5.123 partecipanti dell’edizione 2021, con un totale di 640 squadre di giovani impegnate nella cura e nella manutenzione dei beni comuni, accompagnate da 401 tutor e 545 handymen, ospitate da 243 realtà civiche in 149 comuni tra Veneto, Marche, Trentino Alto Adige e Lombardia.

FONTE